Giudicare.

Se mi devi giudicare per ogni cosa, prego: puoi andare. Se devi vedere ogni mia mossa, se l’unica cosa che sei capace di fare con me è non ascoltarmi, e dare alle mie azioni e parole il significato che voi tu, manipolando la realtà a tuo piacimento, insomma, vai pure via.

Perché il sottoscritto sbaglierà e sbaglia, eccome se lo fa… il problema “scatta” quando dall’altra parte si trova qualcuno incapace di comprenderlo o di essere accogliente nelle nostre scelte, anche se le reputano sbagliate, dovrebbero comunque rispettarle ed accettarci per quello che siamo.

Ma mi rendo conto di essere uno dei pochi, o addirittura unici, che pensa che riflette sulle proprie scelte, sui propri errori ed impara da essi.

A volte ho addirittura perseverato, perlomeno mi sono reso conto di farlo.

Invece sembra che altre persone si chiudano nei loro piccoli mondi e nessuno gli dice niente, e se glielo dicono, non vogliono ascoltare, talmente tanto son convint* di avere ragione.

Ed è inutile, si chiudono dentro, dopo averti vomitato addosso tutto quello che non va, per loro, senza dopo averti dato la possibilità di ribattere.

Dicendo “siamo tutti bravi così”, a me…beh, pure voi.

Incredibile come ci siano tutti questi modi di lamentarsi degli altri, per poi comportarsi anche peggio di loro. Un esercito di ipocrisie.

Mi si dice che “metto parole in bocca”, ma la verità è che con me fanno anche peggio.

Pensano di avermi capito, ma la verità è che molto spesso non hanno capito nulla. Ormai vedo che non è stata solo una ragazza ad essersi comportata così.

Secondo me queste cose sono un chiaro segnale di immaturità. E danno a me dell’immaturo, o mi dicono che devo imparare a comportarmi, buffo, no?

Almeno io ascolterei e perdono. Quante volte mi sono litigato con i miei amici, eppure non ci siamo mai distaccati, mai giudicati, e c’è sempre stato confronto ed ascolto.

Chi si isola dal confronto, vuole evitare quindi, anche la possibilità di comprensione e crescita.

Rifiutare la possibilità di comunicare con l’altro significa voler ascoltare solo il proprio punto di vista, annullando la realtà stessa: ovvero che il mondo è pieno di persone che hanno vissuto e vivono in un modo diverso dal nostro, e non volersi rendere conto di questo è un chiaro segnale di mentalità chiusa.

Sembra davvero di avere a che fare con persone incapaci di vedere almeno l’orizzonte, mentre io voglio guardarci oltre.

È stupido dirmi che mi devo imparare a comportare, se voi siete i primi a doverlo fare.

La delusione arriva solo quando vengono deluse le aspettative, quindi quando pretendiamo erroneamente dall’altra persona sia come vorremmo, quindi è sempre inutile aspettarsi che io sia in un modo che non potevo essere, che non sono.

Alla luce di queste cose potremmo dire che molte liti sono inutili, o comunque basate su cose che non hanno senso di esistere.

Consiglierei di imparare ad ascoltare, ad accettare altri punti di vista, a capire che se uno si innamora, e  tu non ricambi, non devi reagire negativamente, è sempre un altro punto di vista, in fondo.

È un punto di vista di una persona che ti ammira e stima, in fondo.

E forse tu non lo fai verso di te più di tanto, ora dimmi, sembra proprio che siate chiusi in un mondo molto piccolo e vediate solo quello che riuscite a comprendere.

Io penso di essere dotato di una grande curiosità e la voglia di guardare oltre l’orizzonte, insomma grande spirito di osservazione, capace di notare i dettagli, come quando mi affaccio dal balcone di casa mia, e conosco ogni cosa, e ricordo quante cose son cambiate, da quando ero piccolo ad oggi.

Del resto, non posso nemmeno dire che io non accetto le altre persone, per essere incapaci di vedere oltre le due case che hanno davanti, anzi… le amo anche così.

Poi, però… io da loro smetto di pretendere, non le giudico, non guardo ogni loro mossa, ma con me invece le altre persone lo fanno.

Va bene così, lo so. Ormai sto crescendo e sono in un processo di accettazione di me stesso, della vita e di tutto quello che non posso cambiare.

E sto bene, sinceramente, forse non c’è più nulla che mi può davvero scalfire, dopo tutto quello che ho vissuto, e perché sono stanco di soffrire.

.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...